Bio

Studi musicali

Avvicinatosi alla chitarra all’età di 6 anni, dopo un lungo periodo da autodidatta durante il quale ha esplorato principalmente il mondo della musica moderna, ha intrapreso lo studio del violoncello sotto la guida di Stefania Cavedon.

Nello stesso periodo si è dedicato ad una intensa attività corale sotto la direzione di Maria Dal Bianco.

Ha seguito diversi corsi di tecnica vocale (con Romina Basso, Giorgio Mazzucato, Lia Serafini, Alberto Spadarotto), seminari di Interpretazione del Canto Gregoriano (con J.B. Göschl), e partecipato a laboratori e masterclass (con Gloria Banditelli, Romina Basso, Alfredo Bernardini, Franz Comploi, Vincenzo Di Donato, Francesco Erle, Marco Scavazza, Walter Testolin), soffermandosi soprattutto sullo studio e interpretazione del repertorio barocco e rinascimentale.

Attualmente sta approfondendo la propria tecnica vocale con Romina Basso.

 

Esperienze

Canta in formazioni corali sin dall’età di 16 anni. Pur prediligendo la musica antica e rinascimentale, la sua esperienza spazia dal gregoriano fino agli autori contemporanei.

Collabora con diverse formazioni corali ed ensemble vocali sia come corista che in veste di solista, tra cui la Cappella Marciana, dove dal 2015 ricopre il ruolo di solista, l’Ensemble Il Teatro Armonico, la Venice Monteverdi Academy, il Coenobium Vocale, I Cantori di San Marco,  la Cappella Musicale di S. Barbara di Mantova, il Coro Barocco Andrea Palladio, l’Ensemble Coranto di Modena, il Concentus Musicus Patavinus, l’Ensemble Gli Invaghiti.

Nel 2015 ha collaborato con I Musicali Affetti, diretti da Fabio Missaggia, per la prima esecuzione in tempi moderni di alcuni madrigali tratti dall’Opera II di Biagio Marini.

Nel 2016, nell’ambito delle Giornate Barocche, ciclo di concerti organizzati a Bologna, ha partecipato all’esecuzione del primo atto dell’Orfeo di Monteverdi e allo spettacolo di musica e prosa Cantico dei Cantici.
Sempre nel 2016 ha partecipato, come corista, alla produzione de
L’Italiana in Algeri di Rossini andata in scena a Treviso e Ferrara, sotto la direzione del M° Omassini, mentre, come solista, ha partecipato all’esecuzione del Vespro della Beata Vergine di Monteverdi diretto dal M° Erle al Teatro Olimpico di Vicenza, ed alla esecuzione del Didone ed Enea di Purcell diretto da Davide Zanasi nel doppio ruolo di continuista (violoncello) e del marinaio.

Nel 2017 ha debuttato nel ruolo di Eumete in Il Ritorno di Ulisse in Patria di C.Monteverdi, diretto da Michele Vannelli e con la regia di Alberto Allegrezza.
Ha poi esordito ne Il Combattimento di Tancredi e Clorinda di C.Monteverdi prima nel ruolo di Tancredi, nelle esecuzioni in forma scenica nell’ambito dei festival Spazio & Musica di Vicenza e Grandezze e Meraviglie di Modena, e poco dopo nel ruolo del Testo in un’esecuzione in forma semi-scenica a Palazzo Chiericati a Vicenza.
Sempre nel 2017 ha affrontato il ruolo di Jephte nell’omonimo oratorio di G.Carissimi.